PELLEGRINAGGIO ARTUSIANO

Giornalisti, cuochi e appassionati in cammino nel nome di Pellegrino Artusi

…vivere di gesti inconsulti…

Quando sul blog di Stefano Tesi ho letto del Pellegrinaggio Artusiano,mi sono detto:”questi non sono normali”! Faccio passare 1,06 secondi, rileggo e mi sono ridetto: “questi non sono veramente normali, ma con tutte le cose non normali che ho fatto in vita mia, questa m’intriga non poco”. Resto pensieroso per 1,06 secondi ed esclamo:”se mi vogliono io parto con loro”.
Inizia la ricerca dei Pellegrini e, da veri Pellegrini, sono introvabili; Romanelli irrangiungibile,Tesi in Romania (poi mi deve spiegare cosa ha mangiato e bevuto in quei posti), quindi chiamo la Locanda del Frassineti.
Read the rest of this entry »

Filed under: Allenamenti, Pellegrinaggio 2011, Preparativi, , , , ,

Tempo, sfogati adesso!

Messaggio a chi sta in cabina di regia per quanto riguarda le condizioni metereologiche. Vi preghiamo di far sfogare in questi giorni e comunque prima del 25 tutte le piogge possibili immaginabili in maniera tale che noi poveri pellegrini si possa pellegrinare senza le pinne ai piedi.

Grazie

Mi sentivo in dovere di mandare questo messaggio perché non ne posso veramente più. Gli allenamenti proseguono tra una nuvola e l’altra e la prospettiva di pellegrinare sotto una meganuvolona di Fantozzi diventa ogni giorno più probabile.

Carlo

Filed under: Allenamenti, ,

Gli stivali delle sette leghe

Ragazzi,mi sento un leone! Ho comprato un paio di scarpe,ma che dico, ho comprato gli stivali delle sette leghe. Un paio di scarpe da “running” che ho adesso ai piedi e con cui mi sembra di volare. Sono pronto a mettere in pratica il motto artusiano (che ben poco ha di artusiano) “All’aria, all’aria libera e sana, a far rosso il sangue e forti i muscoli!”
Se però penso a quanto mi sono costate spero solo che non siano “Cucina per gli stomachi deboli”, dove lo stomaco rappresenta il mio fisico che, poverino, troverà indigesta tanta maestria scarparia.
Ma bando alle ciance: non vedo l’ora di macinar o tritar chilometri come Pellegrino trita il prosciutto e la mortadella per i tortellini alla bolognese.
Carlo

Filed under: Allenamenti, Preparativi, , ,

…e i pellegrini danno i numeri…

Più il gran giorno si avvicina, più cresce l’entropia. Mentre il Romanelli ci informa deisuoi allenamenti quotidiani e il Macchi replica descrivendo certe psichedeliche visioni campestri (dettate dalle condizioni della campagna o dall’effetto della fatica?) avute durante i medesimi, in privato si accavallano febbrili consultazioni organizzative, oscillanti tra il maniaco-depressivo e il goliardico.

Il primo quesito che toglie il sonno ai futuri scarpinanti è: cosa metto nello zaino? Seguito subito dopo da un angosciante: che cosa lascio a casa? L’idea di portarsi dietro (proprio nel senso di “sulle spalle”) pesi inutili per tutti i 25-km-al-giorno del pellegrinaggio angoscia infatti più d’uno dei partecipanti. Per non dire tutti.

Le risposte sono esilaranti.

Read the rest of this entry »

Filed under: Allenamenti, Preparativi, , ,

Archeologo dei fazzolettini di carta

Oramai mi faccio paura da solo (facile, direte voi). Stamani, nonostante una lieve pioggerellina di marzo, che però non diceva una mazza di niente, mi sono incamminato lo stesso. All’interno dello zaino quattro guide AIS BIbenda garantivano uno zavorramento adeguato. Visto la giornata triste parliamo di cose tristi. La campagna toscana è molto bella ma ci vuole molto poco per renderla brutta. Faccio l’esempio degli orti: niente in contrario a veder spuntare dal terreno gli occhi verdi delle insalate  o le strutture a cui si attaccano i pomodori, ma sembra che il manuale del perfetto orticoltore (anziano) preveda anche alcune brutture da fucilazione continuata. Ecco così le file quasi infinite di sacchetti di nylon infilati in una canna che garriscono (si fa per dire) al vento. Servono per allontanare uccelli malintenzionati. In realtà fossi un qualsiasi volatile mi terrei ben lontano da una bruttura del genere. Non solo: l’orto senza il capanno non ha senso. Ecco allora improvvisati ingegneri costruire capanni di lamiera, plastica trasparente (insomma tutti materiali rigorosamente non biodegradabili) che definire un cazzotto in un occhio è fargli un complimento, specie se attorno hanno tutto un fiorire degli “scarti di lavorazione” come bidoni vuoti, pancali, bottiglie di plastica etc.

Ma lasciamo stare gli orti: nel mio peregrinare,sempre sotto la pioggerellina, sono arrivato in un luogo V.M. minori di 18 anni, detto anche spazio per la camporella.

Read the rest of this entry »

Filed under: Allenamenti, , , ,

notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Join 4,174 other followers

Ripartiremo da qui

Twitter