PELLEGRINAGGIO ARTUSIANO

Giornalisti, cuochi e appassionati in cammino nel nome di Pellegrino Artusi

Il testosterone

Di solito le commemorazioni sono condite da una impegnativa dose di annoiata partecipazione. Si celebrano perché, accidenti, pure stavolta qualcuno s’è ricordato, ha contato gli anni, e quindi ci tocca… ma stavolta il Romanelli ha stupito un po’ tutti e se n’è inventata una nuova. Soprattutto un’idea che ha accantonato le solite chiacchiere per passare ai fatti, ha tirato insieme un gruppo di amici che, ciascuno per motivi suoi, ha deciso di mettersi in gioco e ha organizzato un viaggio a piedi, il Pellegrinaggio artusiano, che altro non è che rifare la strada percorsa nella sua vita dal grande linguista e gastronomo, ma a piedi (e non credo che lui l’abbia mai fatta così, ma tant’è) . Si a piedi. Tutte le volte che lo racconto a qualcuno la domanda si legge stampata negli occhi prima ancora che sentita con le orecchie (perché in pochi si tengono e la fanno comunque) “ma chi ve lo fa fare?”. Eppure è fatta, e siamo partiti. Ma, tra i tanti commenti di amici e parenti al mio coinvolgimento in quest’avventura, quello che m’è piaciuto di più, è stato quello fatto di slancio da una mia amica “finalmente un viaggio con un po’ di testosterone in circolo”. Non c’avevo pensato, ma quanto ha ragione! Niente di sessuale, per carità, solo una considerazione giustissima alla luce dell’esperienza dei molti viaggi fatti insieme.
Il senso è che io sono una viaggiatrice, ma la maggior parte dei miei viaggi l’ho fatto con una compagnia prevalentemente femminile. E non c’è verso, dalle pericolose fughe con Avventure nel mondo, ai più borghesi tour organizzati di quando non c’è nemmeno il tempo per comperare un biglietto aereo, a quelli che ho organizzato da sola con le mie amiche (appunto) i gruppi sono sempre quasi tutti al femminile. Ma stavolta non è così. Sarà perché questo Pellegrinaggio artusiano è molto più semplice e domestico (ma no, che non sono sessista… è che di solito loro, i maschi, non ne vogliono mezza di impegnarsi in situazioni complicate) ma in un gruppo di 11 persone, 9 sono maschi. E non ha importanza che siano soprattutto miei colleghi o amici da tanti anni, che la mission preveda scarpinate e cibo in quantità dignitosamente impegnative su un piano di assoluta parità . Quel che conta è il tasso di testosterone che mi circonda che potrò vantare con le mie amiche. Una sorta di primato assoluto che mi farà aumentare punti… in onore di Pellegrino Artusi!
Rosanna

Advertisements

Filed under: Pellegrinaggio 2011, , , ,

2 Responses

  1. Like davidH I misread the instructions and missed the diagonal answer. I missed the CEY/EMA crossing, and also messed up NIL/NEL. I guess that NIL has a lot of other cluing options; NEL pretty much gets clued by blu or Dante’s first word; it means ‘in’ in Italian.

  2. Coralee says:

    A wonderful job. Super helpful initrmaofon.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Join 4,174 other followers

Ripartiremo da qui

Twitter



%d bloggers like this: